Cosa sono i parchi avventura

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

I Parchi Avventura sono parchi tematici dalle grandi potenzialità, che propongono una fruizione attiva ai propri utenti.

Cosa sono i Parchi Avventura

Possono essere di due tipi: Forestali ed Artificiali.

In entrambi i casi si tratta di percorsi acrobatici in altezza che gli utenti affrontano autonomamente con l’ausilio di Dispositivi di Protezione Individuale (D.P.I.), sotto il controllo attento di operatori opportunamente formati, mettendo alla prova il proprio equilibrio, il controllo del proprio corpo e la capacità di superare gli ostacoli con l’impiego di un minimo di sforzo fisico e tanta voglia di avventura.

I percorsi acrobatici che compongono il Parco Avventura sono costituiti da più giochi (Ateliers), differenti l’uno dall’altro.

Alcuni tra i giochi più conosciuti che compongono i percorsi acrobatici sono:

Percorsi acrobatici

Per affrontare i percorsi acrobatici in sicurezza ci si avvale di Dispositivi di Protezione Individuale che vengono affidati in dotazione temporanea dall’organizzazione del Parco Avventura, previo il pagamento di un biglietto a tempo o a percorso.

Ecco alcuni tra i D.P.I. che solitamente vengono utilizzati nei Parchi Avventura:

Imbragature per parco avventura

I vari percorsi  del Parco vengono distinti tra loro per grado di difficoltà attraverso l’utilizzo dei colori. Questa distinzione viene richiesta anche nella norma che regolamenta i Parchi, la EN 15567-1/2.

Quella che segue è un esempio di  scala di colori assegnati, che indica i percorsi dal più semplice al più difficile:

  • percorso arancio;
  • percorso verde;
  • percorso blu;
  • percorso nero.

I Parchi Avventura Forestali (o Parchi Acrobatici Forestali) sono composti da percorsi sospesi tra gli alberi realizzati mediante l’installazione di funi di acciaio, piattaforme in legno, corde, tronchetti, etc. Delle pedane di sosta vengono installate sugli alberi, per serraggio, in modo non invasivo. Tra un albero e l’altro, poi, vengono installati i giochi.

Questa è la tipologia più diffusa di Parchi Avventura, la quale oltre ad avere dei costi di impianto più bassi, può contare su altri punti di forza, come ad esempio il contatto con la natura ed il fascino dei luoghi in cui viene installata, tutti differenti tra di loro ed ognuno con le proprie peculiarità.

Il Parco Avventura Artificiale viene realizzato invece in contesti urbani, laddove non ci sono le condizioni minime per la realizzazione dell’altra tipologia. I costi per la costruzione sono decisamente più alti e di solito il numero dei percorsi che si possono realizzare  è più basso rispetto a quello dei Parchi forestali. Uno dei vantaggi risiede invece  nella vicinanza delle installazioni tra loro, ciò che permette anche di contenere i costi per la sorveglianza dei percorsi.

Caratteristiche e tecniche costruttive

La realizzazione dei parchi avventura deve essere conforme alla norma europea EN 15567-1, mentre le procedure di gestione vengono desunte dall’applicazione della parte seconda della medesima norma.
Tutti i materiali e componenti utilizzati per le installazioni devono essere certificati e garantiti per l’uso in ambiente esterno.

La progettazione dei parchi inizia da uno studio minuzioso delle piante da impiegare, che si formalizza nella redazione di perizie fitostatiche che ne attestano la resistenza e l’idoneità. Il progettista si occupa successivamente dello sviluppo dei circuiti, sulla base dell’esperienza pluriennale, tenendo conto delle difficoltà di progressione, dello snellimento delle fasi di gestione e controllo, e della corretta gestione dei flussi all’interno del parco.
Le installazioni vengono poste in opera con tecniche di tree-climbing, mediante l’impiego di personale altamente specializzato, evitando l’utilizzo di mezzi meccanici, carrelli, piattaforme e similari.

Per avere un’idea più chiara su tutte le fasi che caratterizzano l’ideazione e la costruzione di un Parco Avventura, potete consultare questo articolo.

A chi si rivolgono i Parchi Avventura

Se vogliamo tracciare un rapido profilo di tutti i possibili fruitori dei Parchi Avventura, dobbiamo considerarne le valenze ludico – didattiche che vengono offerte ai visitatori.

In un Parco Avventura costruito in natura, appare semplice trovare delle affinità con importanti temi propri della didattica ambientale. Geologia, Archeologia o Botanica, sono solo alcuni di quelli che si possono sviluppare per una proposta didattica da rivolgere alle scuole. Le stesse proposte possono essere rivolte anche alle famiglie con bambini piccoli e giovani.

Un altro target (e questo vale naturalmente per entrambi i tipi di Parchi Avventura) è costituito  da sportivi e amanti dell’avventura, giovani e meno giovani cui piace semplicemente mettersi alla prova in attività fisiche originali e gratificanti. E ancora possibili fruitori sono quelli che per  i Tour Operator praticano incentive tourism e Team Building.

Si può certamente concludere che il Parco Avventura si rivolge a tutti, grandi e piccini, sportivi e meno sportivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *